Basket, a Pesaro ritirata la 6 del sanseverese Magnifico

Lunedì 2 Dicembre 2019
Basket, a Pesaro ritirata la 6 del sanseverese Magnifico
Ad aprile 2016, nel palasport di Pesaro si è tenuta una celebrazione, di quelle in cui è l’emozione e il sentimento la fanno “da padrone”, soprattutto perché legato al basket e al grande Walter Magnifico, sicuramente il più grande cestista vivente e di tutti i tempi della “Grande provincia” di Capitanata e della Puglia, per certi versi.

“È stato senz’altro un grande tributo della Scavolini Pesaro, quello del ritiro della maglia nr 6 di mio fratello – ha dichiarato in esclusiva a l’Attacco, Antonella Magnifico - Gesto che premia le sue qualità umane, le sue doti e la sua professionalità. Walter è amato tanto a San Severo, sua città natale e nella quale torna sempre volentieri, quanto a Pesaro, dove allena i ragazzi della sua società di basket. Inoltre, è anche capo della delegazione della nazionale under 20”. Vanni Peluso Cassese, è stato il coach di “quella” Cestistica, che insieme a Walter Magnifico, aveva tutti giocatori di San Severo, arrivando a sfiorare la serie A.

“Pesaro ha ritenuto di riconoscere, in una pubblica cerimonia, al nostro Walter Magnifico un riguardo che viene attribuito a pochissimi eletti del mondo dello sport. In quelli di squadra, allorché un giocatore, per le sue gesta sportive, non disgiunte da qualità morali e comportamentali, ha riscosso la massima stima e gratitudine di tutto l’ambiente, gli viene riconosciuto un tributo ‘sui generis’: il Club in cui quell’atleta ha giocato, ritira definitivamente il numero che contrassegnava la sua maglia. Da quel momento, nessun’altro giocatore, di quel Club, potrà indossare la divisa recante quel numero. Con il gesto, s’intende rendere omaggio a un atleta, a un uomo, riconoscendogli assoluta bravura unita alla fede per i colori indossati. A chi ha portato quel numero viene riconosciuto l’aver fatto umanamente il massimo, a favore del suo Club. Quel numero diventerà, un’icona, un’immagine quasi spirituale, la rappresentazione tangibile di un modello cui ispirarsi. Un esempio per le future promesse del vivaio di quel Club. Walter per Pesaro è ora un simbolo. Perché ha giocato per ben 20 anni, perché con quel Club ha vinto 2 scudetti, 2 volte la Coppa Italia e una Coppa delle Coppe. Perché di quella squadra è stato il leader maximo: il capitano. Perché i pesaresi lo hanno amato per la sua semplicità d’animo; perché è stato un miracolo di forza, di grazia, di leggiadria, di potenza, di armonia e rapidità. Il numero 6 non contrassegnerà più nessun giocatore della Scavolini. I sanseveresi sono orgogliosi di lui”.

Le conclusioni di coach Peluso Cassese: “Walter, con 214 presenze in nazionale. Walter olimpionico. Walter che ha ricevuto, primo italiano assieme a Binelli, un invito al camp degli Atlanta Hawks negli USA. L’NBA, santuario del basket mondiale, si era accorta e dimostrava interesse per un ragazzo cestisticamente cresciuto a San Severo. Coach Valerio Bianchini lo ha definito: ‘Il normanno di San Severo’, il ragazzo che era diventato ‘il Principe’ dei giocatori italiani. Un leggendario cavaliere coraggioso e gentile, capace di essere il ‘Giustiziere dell’Apocalisse’ che nella partita della finale scudetto tra Milano e Pesaro mandò a terra il grande Mike D’Antoni, sconfitto e impotente”. Walter Magnifico viene spesso a San Severo, soprattutto alla festa del Soccorso, anche per stare con i fratelli: Sabino, Carlo e Antonella, che riprende: “Noi fratelli siamo molto legati, da quando in nostri genitori non ci sono più. Walter è sposato con Donatella e ha 3 figlie.

Anche da un punto di vista enogastronomico, non ha perso le sue abitudini e gli piace tutto della cucina tipica sanseverese: dal pancotto, alla zuppetta, passando per i dolci. Walter, 207 cm (è stato alto, fin da piccolo), ha iniziato a giocare dalla scuola media (è nato il 18.06.1960) e fino al ’79 nella Cestistica. Poi è andato alla Fortitudo Bologna e per 19 anni è stato alla Scavolini Pesaro”. Le conclusioni di Franco Crudele, il “capitano di ferro” di quella Cestistica: “Siamo negli anni ’75-’79 dalla serie C alla pool A. Eravamo tutti di San Severo (fino al ’77) e piccoli d’età. Io ero il più grande, da poco ventenne. Forse eravamo la squadra più giovane della lega. Credo che sarà improponibile giocare in serie B con tutti giocatori di San Severo. C’era un fortissimo attaccamento alla maglia e sugli spalti del pressostatico della ‘Palmieri’, avevamo tutti amici e parenti. San Severo e la Cestistica erano una fucina di atleti, ciò che stiamo cercando di riproporre a livello giovanile, con l’attuale Cestistica. Un grande Walter Magnifico, con i suoi 207 cm. un po’ impacciato all’inizio e dopo una folgorante carriera nel basket, ha ricevuto il meritato tributo”.

Le notizie le trovate solo su l’Attacco

Perché ci lavorano giornalisti che fanno solo questo mestiere, 24 ore su 24. E hanno un solo padrone, i lettori e l’opinione pubblica. Siamo in un tempo che è la tempesta perfetta, sospesi tra le rovine del mondo di ieri e un futuro che si presenta a mani vuote. Chi legge, compra e si abbona a l’Attacco non ha perso speranze, sa che l’informazione è libertà e la democrazia non è un destino. E il nostro, inquieto, Sud è ciò che ci prendiamo ogni giorno per trasformare la storia di secoli.
Piero Paciello
''
icona web tv
oggi
ore 11.00
ore 14.00
ore 17.00
ore 20.00
ore 23.00
Comunità

Il dramma di una giovane senzatetto foggiana. Poliziotti e Caritas le regalano una speranza...

Giovedì 12 Dicembre 2019
Una ragazza italiana di 32 anni, senza fissa dimora, cerca rifugio in un condominio per ripararsi da...
Il dramma di una giovane senzatetto foggiana. Poliziotti e Caritas le regalano una speranza
Ispettori in azione contro il lavoro nero nei negozi della provincia
Nell’ambito dell’attività di vigilanza condotta dall’Ispettorato del lavoro di Foggia nella giornata di sabato 7 dicembre, sono stati effettuati 3 accessi ispettivi presso pubblici esercizi in un Comune della Prov...
Giovedì 12 Dicembre 2019
le altre notizie
oggi
le notizie del giorno