redazionale a cura di Apulia Distribuzione

Apulia Distribuzione e Carrefour Italia una nuova sinergia nel segno del made in Italy e dell’innovazione

INTERVISTA A MICHELE SGARAMELLA, DIRETTORE VENDITE DI APULIA DISTRIBUZIONE

acquisti
Il suo Gruppo ha di recente annunciato la chiusura di un nuovo accordo con il master Franchising Carrefour Italia. Da quando sarà operativa questa nuova collaborazione e quali saranno le linee guida che sosterranno questo nuovo impegno che va ad aggiungersi alla gestione dei numerosi clienti già acquisiti?
Apulia Distribuzione ha chiuso un accordo di Master Franchsing con il gruppo Carrefour Italia, valido dal 1 Gennaio 2020. Da questo mese in poi saremo impegnati in svariate centinaia di cambi insegna che interesseranno i tanti punti vendita a marchio Simply dislocati nelle varie regioni in cui il nostro gruppo è presente.  Apulia è uno dei gruppi maggiormente influenti nella distribuzione del Sud Italia e ha incontrato un partner che condivide l’importanza dell’italianità (sebbene sia un gruppo francese) e degli usi e i costumi che come sappiamo sono molto radicati nel territorio in cui operiamo. Quindi la riconoscibilità di un marchio internazionale abbinata al saper fare impresa in un territorio come il nostro crediamo possa diventare un ottimo mix di successo e riconoscibilità nei confronti del consumatore.

  Quali sono le dinamiche commerciali e d’investimento entro le quali si situa la presenza sul mercato del Gruppo Apulia Distribuzione Srl?
Apulia opera in un mercato complesso come quello dell’area 4 da tanti anni e ne conosce le difficoltà, gli aspetti positivi e negativi e le peculiarità. Seguiamo le richieste del consumatore e adattiamo la politica commerciale a seconda del format, perché gli ipermercati hanno bisogno di strategie completamente diverse rispetto al sottocasa. La nostra volontà è quella di continuare a crescere mantenendo la sostenibilità economica facendo maturare per competenze e professionalità i tanti collaboratori del gruppo.

  Uno dei punti di forza dell’offerta di servizi che da sempre contraddistingue il vostro operato è la “multicanalità”: ci spiega meglio in cosa consiste e come è organizzato il processo di attuazione di tale principio nei settori della distribuzione e del commercio?
Certo, multicanale ma anche omnicanale e crosscanale. E’ sempre stata una nostra peculiarità e continuerà ad esserlo. Il tutto è fulcro per mettere sempre più al centro del villaggio il consumatore.  Parte da una grande conoscenza del territorio, delle aziende fornitrici e del mercato in generale, cerchiamo successivamente di offrire un numero alto di servizi sia per il B2B e per il B2C. La grande scommessa per i prossimi anni sarà aumentare il grado dei servizi per il consumatore penso alla grande sfida dell‘ e-commerce alimentare, progetto che l’azienda segue ormai dal 2013 ma che sarà oggetto di investimenti nel 2020.

Come è strutturata nei territori delle regioni in cui opera il Gruppo l’offerta ai consumatori?
L’azienda attualmente presente con i marchi IperSimply, Simply e Punto Simply opererà con i marchi Carrefour, Carrefour Market e Carrefour Express. L’offerta al consumatore passerà quindi dagli ipermercati a marchio Carrefour, grandi piattaforme alimentari dove diamo convenienza al consumatore e grandissima attenzione al fresco, le grandi strutture a marchio Carrefour Market situati in città e centri urbani utili per rispondere ad una spesa frequente da quotidiana a settimanale e i Carrefour Express negozi sottocasa caratterizzati dalla vicinanza al territorio e alla tradizione. I 3 format saranno uniti dal brand Rossotono riconoscibile in diverse macellerie/salumerie del gruppo dove garantiamo qualità e servizio dei prodotti freschi, vero segno distintivo dei nostri supermercati.

  Quali sono le caratteristiche fondanti della filosofia professionale e strategica del Gruppo?
Tutto ruota intorno a questi dogmi: spirito imprenditoriale, umiltà, crescita dei giovani, vision e innovazione. Stimoliamo investimenti e innovazione provocando quello che Sergio Marchionne chiamava “distruzioni creative”, sfidiamo l’ovvio e seguiamo strade nuove strizzando l’occhio all’innovazione cercando di andare oltre quello che si è già visto. Vogliamo rimanere affidabili per chi ci sceglie tutti i giorni, nel senso che continueremo sempre a garantire quello che promettiamo al consumatore.